Turchia da scoprire

Turchia da scoprire

La Turchia, che seduta tra Europa Meridionale e Mesopotamia, tra Oriente e Occidente, tra cristianità e Islam è da sempre punto di incontro di culture millenarie, di mercanti, viaggiatori, filosofi, profeti e artisti.

Nessun travel blogger italiano racconta che la Turchia è dal crogiuolo di culture, di popoli e di religioni che nasce l’unicità di una terra da scoprire, una terra che ci sfida ad andare oltre i luoghi comuni geografici e le mete più gettonate.

La Repubblica fondata da Ataturk nel 1923 è la meta preferita dei turisti più esigenti, che in un unica soluzione vogliono godersi bellezze naturali, arte e storia, senza disdegnare relazioni umani, ottima cucina e gioia di vivere.

Una penisola che ospita 80 milioni di persone, distribuite non solo nelle grandi città che hanno reso l’Anatolia il vero gigante del Medio Oriente, ma anche in piccoli centri unici nel loro genere, dove le culture che hanno plasmato la storia dell’umanità vivono e convivono in melting pot che fa della mescolanza il suo punto di forza.

Sono in molti infatti a sperimentare quella che gli addetti al settore chiamano la nostalgia della Turchia. Nostalgia che porta migliaia di turisti a scegliere ancora e ancora la Turchia per le loro vacanze, la meta ideale per vivere immersi nella cultura, nella storia e nella bellezza senza spendere una fortuna.

La capitale della Turchia è Ankara che da piccolissima cittadina al centro dell’Anatolia è diventata oggi una grande metropoli che ospita quasi quattro milioni di abitanti e che è il centro burocratico, accademico e in parte economico della Turchia moderna.

Costruita seguendo i più moderni canoni urbanistici, Ankara è oggi la città che fa da cornice alla vita politica del paese, nonché centro che ospita i monumenti che ricordano la parte più recente della storia del paese, quella che ha condotto, per mano di Mustafa Kemal Ataturk, il popolo che abita questa splendida penisola da uno stato di servitù verso l’autorità del Califfo a quello di una piena cittadinanza nella prima Repubblica del Vicino Oriente.

Dalle molteplici facce e dai molteplici profumi, Ankara ospita genti che provengono da ogni angolo della Turchia e che hanno portato con loro le tradizioni, i cibi, le arti e le spiritualità che caratterizzavano i loro luoghi natali.

Moderna e tradizionale al tempo stesso, Ankara ospita e fonde le due anime della Turchia, quella a vocazione moderna e repubblicana e quella a vocazione più tradizionale e spirituale, in una mescolanza che è la vera essenza di questo meraviglioso paese.

La capitale ospita i Ministeri e il Parlamento della Repubblica, affastellati uno dopo l’altro nel nuovo centro della città, situato a pochi passi da quello che era il centro antico di Ancyra, il vecchio centro greco-romano, oggi raccolto nel quartiere di Ulus, centro della storia e dell’economia di questo assembramento umano.

Recandoci ad Ulus potremo visitare i bagni romani, la colonna dell’Imperatore Giuliano l’Apostata e il tempio dedicato ad Augusto, che riporta sulle sue mura le più antiche iscrizioni delle Res Gestae, il racconto autocelebrativo scritto dal primo imperatore di Romana.

A pochi chilometri dalla cittadella di Ulus potremo procedere verso il Castello Bizantino che ancora domina, dall’unica collina del circondario, la capitale della Repubblica Turca.

Senza dimenticare di rendere omaggio a Mustafa Kemal Ataturk ad Anitkabir, il mausoleo a lui dedicato e all’interno del quale riposano le sue spoglie, potremo recarci verso Tunali o Gazi Osman Pascià, centri della vita notturna di una delle capitali più moderne del Vicino Oriente.